EVENTO FINALE PROGETTO GUARANTEE: risultati e prospettive

Presso la sede ENEA di Roma, il 22 marzo scorso – alla presenza di un pubblico numeroso ed attento- si è tenuto l’evento finale di guarantEE, dedicato ad illustrarne i risultati del progetto e le prospettive future. Ha introdotto i lavori e portato i suoi saluti Ilaria Bertini, Dipartimento Unità Efficienza energetica dell’ENEA, che ha mostrato di apprezzare il percorso realizzato dal progetto, peraltro su un tema, quale quello dei contratti di prestazione energetica. di grande attualità per l’attuazione degli obiettivi di efficienza energetica e invita a proseguire nell’attività di ricerca anche per individuare modelli di EPC “semplificati” per interventi di riqualificazioni meno complessi.

Numerosi i relatori. Giulia Centi, ENEA, responsabile per l’Italia di guarantEE, ha ricordato lo scopo e gli obiettivi del progetto, evidenziando i risultati più importanti raggiunti e il loro impatto nel favorire lo sviluppo degli Energy Performance Contract in tutta Europa: i report sul mercato degli EPC europei, i nuovi modelli di business e le nuove clausole contrattuali, la banca dati dei progetti EPC di Successo, il pool di Facilitatori nazionale, i report sull’attività di facilitazione dei progetti piloti nei paesi partner, per arrivare al report sulle “Policy Recommedations” per lo sviluppo del mercato degli EPC e per il riconoscimento dei Facilitatori di progetto EPC.

Daniele Forni, FIRE, ha sottolineato il ruolo innovativo dei facilitatori EPC, le competenze che questa figura deve possedere e il percorso formativo e di qualifica che ha permesso anche all’Italia di avere il suo pool di “Facilitatori EPC” che si inserisce nel circuito europeo degli “EPC Facilitators”.

Come rappresentante di questo primo pool di facilitatori EPC italiani, Fabio Minchio ha illustrato l’esperienza della facilitazione svolta nell’ambito dei progetti ELENA, finanziati dalla BEI (si tratta di progetti in cui la BEI finanzia al 90% i costi delle attività di supporto tecnico, supporto legale e supporto amministrativo finanziario), in particolare del Gruppo di Lavoro del Progetto di Padova – Progetto 3L, con focus sulle lezioni apprese per quanto concerne gli aspetti contrattuali, il punto di vista degli Enti aderenti e il punto di vista del mercato.

É stato presentato da Giuseppe Sorgente della Regione Liguria il progetto EnerSHIFT, vincitore dell’European Energy Service Award (EESA) 2019 nella sezione “Best Energy service Promoter”. Il progetto porterà alla riqualificazione energetica, mediante l’utilizzo degli EPC, di oltre 3.000 alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica, distribuiti in 76 edifici dislocati nelle 4 province liguri; sono stati illustrati gli importanti traguardi raggiunti con le gare espletate nonché gli ostacoli incontrati e le azioni intraprese per il loro superamento.

A seguire sono stati mostrati i due progetti pilota italiani, individuati per il loro aspetto innovativo e sperimentale e per i quali l’attività di facilitazione è stata svolta da ENEA.

Francesco Cappello, ENEA e Carmelo Oliveri,  Comune di Catania, hanno presentato l’azione pilota realizzata a Catania in sinergia con il progetto europeo PUBLEnEf inizialmente volta alla prima applicazione delle nuove linee guida nazionali sugli EPC, ma che ha portato, poi, alla presentazione di una Proposta in PPP di iniziativa privata per il miglioramento dell’efficienza energetica dell’impianto di illuminazione del Palazzetto dello sport denominato “PALACatania”. Il dott. Oliveri ha sottolineato come sia stato importante per l’amministrazione comunale, impegnata nelle difficoltà quotidiane, essere supportata da esperti ENEA ed ha auspicato si possa proseguire nella direzione intrapresa con i due progetti europei.

Anna Moreno,  ENEA  e il rappresentante dell’associazione culturale “Maestri di Strada”, hanno descritto, l’esperienza del Progetto “ASCETATE”. Gli aspetti innovativi dell’azione pilota sull’I.C. Marino S. Rosa Ponticelli – Napoli si individuano sia per l’utilizzo del BIM per tutti gli “usi” del ciclo di vita dell’edificio scolastico, sia per il coinvolgimento delle organizzazioni sociali con l’intento di coniugare riqualificazione energetico-ambientale e recupero sociale dell’area urbana periferica. Viene rappresentato il degrado del quartiere nel quale si inserisce l’edificio scolastico e l’importanza di una presenza come quella della futura scuola, che combina attività socio-educative finalizzate al recupero sociale di una popolazione marginale, con attività di formazione professionale nei settori dell’alta tecnologia.

Infine Nicolandrea CALABRESE per ENEA ha illustrato le linee guida per le diagnosi energetiche degli edifici pubblici. Partendo da cosa è una diagnosi e quali sono i suoi requisiti, vengono dettagliati i singoli step che compongono il processo di redazione di una diagnosi. Per un progetto EPC, gli audit sono un elaborato fondamentale per la fase progettuale come per la fase di gestione.

La giornata si conclude con l’auspicio che l’esperienza positiva della facilitazione delle azioni pilota possa proseguire ed allargarsi ad altre amministrazioni comunali e che si accresca l’impatto che i facilitatori EPC hanno sul mercato dei servizi energetici attraverso l’adozione di iniziative volte a promuovere, migliorare e regolamentare questa nuova figura tra gli stakeholder. L’obiettivo è aumentare la consapevolezza che un progetto EPC ha più possibilità di successo coinvolgendo un facilitatore.

Presentazioni

CALABRESE guarantEE_Linee_Guida

Cappello_GUARANTEE_ENEA

EnerSHIFT__GuarantEE_Sorgente

FORNIguarantEE-Facilitatori

G CENTI_il progetto guarantEE _risultati e prospettive

MINCHIO_Guarantee_progettIi_ELENA

MORENOprogetto_guarantEE

Newsletter

Our newsletter informs you about news of our project. By clicking the Submit button, you confirm that you have read the privacy policy.